VMworld 2015 Europe – Highlights della seconda giornata

October 15, 2015
VMworld 2015 Europe – Highlights della seconda giornata

Il keynote della seconda giornata del VMworld Europe è stato una dimostrazione concreta di cosa VMware può offrire. Affrontando le diverse aree tematiche da un punto di vista strategico e tecnico, durante la sessione plenaria sono state fornite conoscenze fondamentali per affrontare le principali sfide IT e business che le aziende dovranno sostenere negli anni a venire.

Qui sotto potete trovare una breve sommario dei temi che Pat Gelsinger, Sanjay Poonen e Martin Casado hanno approfondito durante la plenaria:

Pat Gelsinger


Il keynote di Pat Gelsinger si è chiuso affidando alle aziende cinque imperativi. Con uno sguardo a lungo termine al futuro del business e dell’IT, questi sono gli aspetti che secondo Pat le organizzazioni digitali devono fare propri oggi e nei prossimi anni:

  • L’asimmetria è ormai la norma e gli incubatori non hanno più alcun vantaggio. Bisogna essere in grado di innovare già come start up e sostenere la delivery come una grande azienda.
  • Siamo entrati nell’era professionale del cloud, non siamo più in una fase di sperimentazione. Il cloud unificato è il futuro.
  • E iniziato il “rinascimento” della sicurezza – la virtualizzazione oggi permette di integrarla nell’architettura piuttosto che costruirla dall’esterno in modo rigido.
  • La prossima ondata tecnologica sarà proattiva, non reattiva. Saremo in grado di automatizzare e prevedere (quasi) tutto.
  • Le aziende di ogni dimensione devono agire – l’immobilità è il rischio più grande da affrontare oggi.

Maggiori informazioni sui cinque imperativi di Pat sono disponibili al seguente link

Martin Casado


Nel suo keynote, Martin Casado ha affrontato i problemi di sicurezza legati alle applicazioni, e come l’applicazione rifletta la rete sottostante. La conseguenza è che, senza una reale visibilità dell’intera rete, tutti i problemi infrastrutturali emergono in superficie attraverso l’applicazione stessa, quando questa non si comporta come dovrebbe. Tutto questo implica, in ambito applicativo, tre principali sfide per l’IT: la configurazione, il troubleshooting e la sicurezza. Ambiti in cui entra in gioco la piattaforma di virtualizzazione della rete di VMware, NSX. Martin ha dimostrato come NSX sia in grado di supportare il deployment delle applicazioni di un’organizzazione e ha sottolineato che se si sceglie la virtualizzazione delle risorse di calcolo bisogna considerare bene anche la virtualizzazione del network. Maggiori informazioni su NSX

Sanjay Poonen


L’End-User Computing (EUC) e l’approccio “Any Application, Any Device”: questi i focus principali della presentazione di Sanjay Poonen, che ha annunciato la grande portata di Project A2, capace di riunire le capacità di AirWatch e VMware App Volumes per offrire una delivery e una gestione continua delle applicazioni su qualsiasi piattaforma EUC, da una Tesla a un PC Windows 10. A chiusura della presentazione Sanjay ha coinvolto il pubblico con la sua personale rivisitazione di ‘We Will Rock You’ dei Queen: “EUC will rock you!”.

Abbiamo creato uno storify dedicato a tutti gli annunci di oggi sui social media – è disponibile al seguente link, mentre a questo link trovate storify degli annunci di ieri.


 
Related Posts
 

Alberto Bullani, Regional Manager VMware Italia

Sono un veterano del …

Read More

Il più importante appuntamento dell’anno sta per tornare e noi …

Read More

Vogliamo raccontarti la seconda giornata del VMworld, anch’essa iniziata a …

Read More

Rullo di tamburi, musica e tante emozioni, così ha avuto …

Read More

 
 
Blog Archive