Il Data Center nel 2017: 5 trend per l’infrastruttura iperconvergente

December 14, 2016
Il Data Center nel 2017: 5 trend per l’infrastruttura iperconvergente

Oggi ospitiamo un post a cura di Lee Caswell, VP, Products, Storage & Availability, di VMware, che getta un primo sguardo sui trend del data center per il 2017.

Nel corso del 2016 abbiamo visto come la Cross-Cloud Architecture abbia rimodellato la visione di VMware per l’infrastruttura iperconvergente (HCI) con l’introduzione di Virtual SAN 6.2 e vSphere 6.5, due prodotti che hanno portato l’HCI a un livello superiore. L’infrastruttura iperconvergente è una componente fondamentale del software-defined data center (SDDC) e, nel 2017, prevediamo che sarà al centro della scena, tanto più che lo spostamento dei dati dallo storage fisico al cloud ha un impatto sul nostro approccio alla gestione quotidiana del data center.

Qui di seguito, abbiamo delineato cinque aspetti che prevediamo riguarderanno l’infrastruttura iperconvergente nel nuovo anno.

# 1 – L’ascesa dell’IT generalista nel mondo dello storage

L’arrivo della infrastruttura iperconvergente e dei relativi strumenti software significa che lo storage può essere fornito e gestito da professionisti IT, piuttosto che da specialisti dello storage. Con l’HCI, i responsabili IT possono gestire l’intera infrastruttura con un unico set di strumenti. Si riduce anche il rischio di commettere errori perché si abbassano i prezzi degli entry-point e questo consente ai reparti IT di partire con poco e scalare nel tempo, aggiungendo più spazio di archiviazione e valutando nel tempo le esigenze che cambiano. Dato che questa tendenza continua, i professionisti IT sono sempre più in grado di concentrarsi su casi d’uso mirati e applicazioni in cui le prestazioni dello storage sono fondamentali. Ancora più importante, poiché l’infrastruttura iperconvergente consente di allocare il personale e le risorse in modo più efficiente, ci aspettiamo che la conversazione intorno all’IT nel 2017 si sposterà dalla manutenzione quotidiana delle infrastrutture a come l’IT può diventare un driver reale del business.

# 2 – L’Ethernet è in, il Fibre Channel è out

Gli analisti hanno da tempo previsto la lenta morte dello storage Fibre Channel. Nel 2017 ci aspettiamo che il suo uso si ridurrà ancora più velocemente, con la sempre crescente velocità dell’Ethernet standard, eliminando la necessità di connessioni proprietarie SAN anche tra i clienti che sono roccaforte tradizionale del Fibre Channel. L’acquisizione del vendor Fibre Channel Brocade da parte di Broadcom è solo l’ultimo indicatore che la specializzazione storage sta diventando una parte sempre più piccola del mercato. Con lo storage hyperconverged e scale-out che diventa la norma, server e dispositivi storage saranno sempre sulla stessa rete, mentre la tecnologia Fibre Channel sarà sempre di più legacy.

# 3 – Appliance storage costose e purpose-built cederanno il mercato a soluzioni basate su server

In passato, acquistare storage aziendale spesso significava spendere decine o addirittura centinaia di migliaia di euro per un dispositivo storage proprietario che era difficile da configurare e da gestire. L’HCI sta cambiando tutto questo. Gli operatori di data center realmente hyperscale – le AWS, Baidus, e Alibaba del mondo – ci hanno mostrato la via. Ognuno di loro ha costruito la propria infrastruttura storage utilizzando un modello scale-out basato su server x86. Ci aspettiamo che un numero crescente di organizzazioni capiscano il senso di questo modello e ne seguano l’esempio. Pensiamo anche che il 2017 sarà l’anno in cui un numero crescente di organizzazioni capiranno il livello di flessibilità, scalabilità e riduzione dei costi offerta dalla HCI.

# 4 – L’infrastruttura iperconvergente democratizza lo storage per aziende che cercano di rendere l’IT un vantaggio competitivo

I fornitori di hardware server hanno assistito negli ultimi tempi a crolli significativi delle vendite, soprattutto  nel 2016. Tuttavia, ci aspettiamo che il trend si invertirà nel nuovo anno. Infatti, l’arrivo dei chip Intel per server di prossima generazione Skylake tanto attesi per la metà del 2017 rischia di innescare un  aggiornamento dei data center di una portata enorme, a cui non assistiamo da lungo tempo. Molte organizzazioni in tutto il mondo potranno probabilmente vedere questa come un’opportunità per fare il salto nell’infrastruttura iperconvergente. Di conseguenza, anche le organizzazioni dei mercati emergenti che non hanno mai realmente investito nello storage tradizionale inizieranno a guardare alle proprie infrastrutture e alle applicazioni sotto una luce completamente nuova. E poiché l’HCI sfrutta le competenze IT esistenti di 500.000 clienti VMware che già conoscono i server, l’Ethernet e le applicazioni, crediamo che il 2017 vedrà l’inizio di una trasformazione radicale delle operations dei data center nelle organizzazioni di tutte le dimensioni.

# 5 – Lo Storage All-Flash diventa il nuovo standard 

Le economie della tecnologia flash media sono ormai tali che le prestazioni e la flessibilità dello storage a stato solido non possono essere ignorate, anche da parte di organizzazioni che più di altre sono attente ai costi. Il design scale-out dell’infrastruttura iperconvergente significa che standardizzare su flash riduce i costi di supporto dei clienti. E con il crollo dei prezzi si prevede che aumentino le vendite di memorie flash nel 2017, e i clienti con budget IT limitati dovranno giustificare la decisione di acquistare storage su disco rigido invece di soluzioni all-flash, piuttosto che il contrario.

 

 


 
Related Posts
 

Siamo lieti di annunciare VMware vCloud Director 9.0, il secondo …

Read More

Chris Wolf, Chief Technology Officer di VMware per l’area Global …

Read More

Siamo entusiasti di annunciare che dal 28 agosto 2017 è …

Read More

Il VMworld 2017 Europe è stato un grande successo il …

Read More

 
 
Blog Archive