Cosa è successo al VMworld 2016 US

September 7, 2016
Cosa è successo al VMworld 2016 US

Si è chiusa anche questa edizione del VMworld 2016 che si è tenuto come di consueto negli Stati Uniti, con l’energia e l’entusiasmo dei 23.000 partecipanti. Se non avete avuto modo di seguire l’evento, questi sono stati i principali annunci:

Partnership IBM-VMware

VMware e IBM hanno annunciato la disponibilità di servizi cloud che consentono alle organizzazioni di spostare rapidamente e facilmente carichi di lavoro nel cloud. Con più di 500 clienti condivisi, tra cui Marriott International, la partnership tra IBM e VMware sta aiutando molte aziende a estendere workload esistenti nel cloud in poche ore. Inoltre, IBM sta formando circa 4.000 professionisti, fornendo loro le competenze necessarie per offrire ai clienti soluzioni VMware.

La nuova Cross-Cloud Architecture

VMware ha anche presentato l’ampliamento della propria strategia per il cloud ibrido con la nuova VMware Cross-Cloud Architecture che permette ai clienti di eseguire, gestire, connettere e proteggere le applicazioni su cloud e sui dispositivi in un ambiente operativo comune. A supporto della propria strategia per il cloud, VMware ha annunciato anche:

  • VMware Cloud Foundation, una piattaforma Software-Defined Data Center (SDDC) unificata che semplifica la gestione e l’utilizzo dei cloud SDDC da parte dei clienti
  • L’anteprima di servizi cross-cloud che permetteranno ai clienti di gestire, utilizzare e proteggere le applicazioni sui cloud pubblici e privati, tra cui AWS, Azure e IBM Cloud
  • VMware vCloud Availability, una nuova famiglia di prodotti per il disaster recovery appositamente realizzati per i partner vCloud Air Network
  • Una nuova versione di VMware vCloud Air Hybrid Cloud Manager che azzera i tempi di inattività per gli utenti di VMware vSphere che migrano le applicazioni su VMware vCloud Air

Approccio unificato per la gestione degli endpoint

Fra le novità, un approccio nuovo e unificato di gestione degli endpoint per Windows 10, insieme a miglioramenti di VMware Horizon e VMware Workspace ONE. Queste novità consentono di migliorare il digital workspace e rispondere alla sfida di supportare una forza lavoro sempre più mobile che richiede l’accesso a tutte le applicazioni da qualsiasi dispositivo, sempre e ovunque.

vSphere Integrated Containers

VMware ha annunciato due nuove funzionalità di VMware vSphere Integrated Containers che permettono ai responsabili IT di fornire un’interfaccia Docker compatibile ai team che si occupano di applicazioni, da utilizzare sull’infrastruttura vSphere esistente. La nuova container registry and management console fornisce VMware vSphere Integrated Containers per supportare i team IT nell’utilizzare i container in produzione in modo efficace. VMware vSphere Integrated Containers è ora disponibile come software open source ed è aperta la registrazione a un programma beta.

VMware Integrated OpenStack 3

Infine, VMware ha presentato VMware Integrated OpenStack 3, l’ultima versione della distribuzione di OpenStack che introduce nuove funzionalità per rendere l’implementazione dei cloud OpenStack più semplice e conveniente e, parallelamente, consentire ai clienti di utilizzare i carichi di lavoro VMware vSphere esistenti in un cloud OpenStack basato su API.

Con tutte queste entusiasmanti novità, è il momento perfetto per iscriversi al VMworld 2016 Europe, che si terrà dal 17 al 19 ottobre a Barcellona. Potrete scegliere tra più di 250 sessioni e potrete incontrare gli oltre 120 sponsor ed espositori! Qui tutti i dettagli.

 


 
Related Posts
 

Un approccio Cross-Cloud può offrire libertà, scelta e controllo sul …

Read More

Il più importante appuntamento dell’anno sta per tornare e noi …

Read More

Per il terzo anno consecutivo, VMware è fra le migliori …

Read More

 È il momento per le imprese di offrire agli utenti …

Read More

 
 
Blog Archive